CivitavecchiaToday

Bosco Enel. "Moscherini non deve autorizzare proprio nulla"

Il Forum Ambientalista e il Comitato NaturalMente ritornano sulla questione del Bosco Enel

"Evidentemente il Sindaco Moscherini pensa che Civitavecchia, in quanto da lui governata, sia territorio non soggetto alle norme e alle leggi vigenti nello stato italiano. E se questa non è certo una novità, e dimostrazione ne sono i tanti abusi ed illegittimità che hanno, come non mai, caratterizzato la legislatura da lui presieduta, (Marina docet), lascia comunque perplessi la tracotanza con cui, pur di perseguire i propri scopi, il Primo Cittadino si senta autorizzato, in barba a quanto espresso da istituzioni sovraordinate, magistratura e finanche dalle migliaia di cittadini che hanno sottoscritto un apposita petizione, ad opporsi ad opere che non solo costituiscono obblighi di legge, ma che sono patrimonio dell’intera comunità e costituiscono una reale, anche se minima ed insufficiente, compensazione di quanto in termini di qualità della vita e dell’ambiente, la riconversione a carbone di Torrevaldaliga Nord ha tolto ai cittadini del comprensorio.

Non meritano risposta, poi, i suoi alcoliti della III circoscrizione, gli stessi che volevano realizzare la strage di eucaliptus in via delle Sterlizie, che avrebbero maggiormente il favore degli abitanti di San Gordiano se, invece di impegnarsi a sostenere le posizioni del Primo Cittadino, si spendessero con eguale passione per segnalare le innumerevoli perdite d’acqua che poi causano le voragini di cui vi è testimonianza recente, le condizioni del manto stradale specie in prossimità delle tanto volute rotatorie di Via delle Sterlizie, e più in generale, le condizioni in cui versa l’intero quartiere.

Vogliamo peraltro sottolineare, ancora una volta, che nella Valutazione d’impatto ambientale è chiaramente specificato che la realizzazione del cosiddetto parco dei serbatoi è prevista in quella specifica area in quanto contribuisce “Dal punto di vista del consumo di suolo” ad “un miglioramento in quanto l’area occupata dalla centrale diminuirà, a fronte dello smantellamento di gran parte del parco serbatoi, di circa 119000 m2” e la sua creazione “in luogo del parco serbatoi, inserito del percorso ciclabile fra Civitavecchia e la pineta costiera La Frasca può effettivamente contribuire a migliorare la percezione dell’impianto…”.

Né può valere il discorso che l’area risulta compromessa in quanto, sempre nella Via, si prevede che ilavori per la realizzazione del parco “saranno tuttavia conseguiti solo una volta …. bonificata l’area del parco serbatoi” e che le “quantità di terreno … provenienti dall’area dei bacini serbatoi e contenenti tracce di olio combustibile, saranno inviate a discarica come rifiuto” Spiace peraltro far presente al primo cittadino che non vi è alcuna necessità che lui firmi alcunaautorizzazione in quanto essendo la realizzazione del parco prescrizione di cui all’autorizzazione unica MAP 55/02/2003, rilasciata sulla base del D.L. 7 febbraio 2002, n. 7, meglio conosciuto come decreto sblocca centrali, su cui, nostro malgrado, il Comune ha già rilasciato a suo tempo parere positivo, ogni opera ad esso connessa, comprese le prescrizioni, si considerano con la medesima già autorizzate. La smetta, quindi, il Primo Cittadino di cimentarsi con proposte pseudo ambientaliste che non gli si confanno, come d’altronde l’indegna proposta di privatizzare i parchi cittadini dimostra, ed abbia il coraggio di dire la verità, ovvero che l’intero territorio, area del bosco Enel e Frasca compresa, vanno sacrificate alla realizzazione della devastante Piattaforma Italia con annesso Terminal China di cui nessuno sente il bisogno se non le multinazionali asiatiche e alcune società private il cui interesse certo non coincide con quello della comunità cittadina".

 

Il Forum Ambientalista e il Comitato NaturalMente - Simona Ricotti e Massimiliano Di Grado

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • Sciopero Roma Tpl, lunedì 18 novembre a rischio i bus in periferie: orari e fasce di garanzia

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Pizza Awards Italia 2019, Roma stupisce: ecco le migliori pizze della Capitale (e del Lazio)

  • Sushi "all you can eat" a Roma: 10 ristoranti giapponesi da provare

Torna su
RomaToday è in caricamento