CivitavecchiaToday

Bonessio: Piano Rifiuti, in guardia i residenti di Civitavecchia e Guidonia

Il presidente dei Verdi del Lazio denuncia le manchevolezze del Piano Rifiuti della Regione, soprattutto nella Capitale. A pagarne le spese, per Bonessio, saranno i comuni della Provincia come Civitavecchia e Guidonia

"Il Piano rifiuti della Polverini è un piano vuoto, che non da indicazioni adeguate e innovative sul trattamento e lo smaltimento. Come avevamo denunciato, non individua un sito idoneo per la nuova discarica, che doveva essere utile a chiudere un ciclo virtuoso e innovativo per lo smaltimento degli Rsu". Lo ha dichiarato, in una nota, Nando Bonessio, presidente dei Verdi del Lazio. "Come ha ribadito il presidente nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli - prosegue - i cittadini della provincia di Roma e del Lazio pagano e pagheranno le diatribe interne al Pdl che fanno scarica barile tra di loro sulla questione rifiuti, in una battaglia che è solo un alibi, ed è invece mirata a stabilire la leadership interna al Pdl in ambito regionale e nazionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mentre si consuma questo teatrino - prosegue Bonessio - con la raccolta differenziata ferma al palo, e nessun sito alternativo a Malagrotta, il sistema di gestione dei rifiuti di Roma rischia di collassare. Ora probabilmente si guarderà al comprensorio per una nuova discarica, quindi mettiamo in allerta tutte le popolazioni residenti, in particolare quelle di Civitavecchia (discarica di Allumiere) e di Guidonia (discarica dell'Inviolata), perché ora dovrà partire una fase di vigilanza, verifica e partecipazione. Se di discarica si deve trattare - conclude il presidente dei Verdi Lazio - questa dovrà servire solo per la quota residua dello smaltimento, dopo la riduzione della produzione, il riuso, il recupero della frazione umida e il riciclaggio. Quindi solo per una frazione minimale, e non inquinante, pertanto accettabile dalle popolazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento