CivitavecchiaToday

Ancora è lutto al mercato

Continua i disagi al mercato per il mancato restyling della struttura. Nessuna rassicurazione per i commercianti da parte del Sindaco

La situazione al mercato di Civitavecchia  rimane in fase di stallo. Sono i soliti mercatali a denunciare il disagio che quotidianamente li colpisce. A dare loro voce un video dell’associazione politico-culturale “25 Aprile” (guarda il video) che riassume la condizione generale in cui versano i lavori di ristrutturazione del mercato comunale. “Il guaio è che non abbiamo avuto solo una grande ricaduta economica – spiega un commerciante - ma la tradizione cittadina e lo spirito tra colleghi sono andati persi”. Queste sono le parole più ricorrenti tra i pochi banchi rimasti alla “palmetta”.

Ribattezzato “cimitero nuovo”, il posto che ora si trova sul parcheggio della trincea ferroviaria, non offre gli stessi servizi e comfort presenti invece nella vecchia struttura, i banchi alimentari disseminati per il parcheggio esposti a vento, pioggia e freddo d’inverno e aria soffocante d’estate. “Noi eravamo disposti a ristrutturare la vecchia costruzione, ma iniziati i lavori sono venuti a mancare i permessi per consentirne il continuo” afferma un altro commerciante.

Le difficoltà infatti, sono sorte quando, poco dopo l’inizio della ricostruzione, l’opposizione all’amministrazione comunale (centro destra) ha denunciato la mancanza di permessi per l’operazione iniziata dal sindaco Gianni Moscherini, il quale definito dai mercatali un “dittatore”, replica di voler costruire nella piazza della “palmetta” un bar, senza preoccuparsi della sorte economica dei commercianti. Il Sindaco giustificherebbe questa sua decisione con la mancanza dei permessi amministrativi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quindi ormai otto mesi, va avanti la battaglia dei venditori contro le scelte del primo cittadino. Inizialmente gli operatori avevano deciso di occupare il mercato, senza però avere nessun riscontro. “Per non parlare del clima di tensione che si respira ultimamente” dichiara un commerciante, riferendosi alla lite accaduta ieri per un diverbio tra un operatore italiano e uno cinese per una questione di posizione di banchi. “Siamo stanchi di essere presi in giro dal sindaco Moscherini  che se non ama questa città può anche andarsene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento